Piazza Ghiberti 40r - Firenze | Telefono: 055 2343885
Chiuso la Domenicalogo sm

IMG 20180611 160113 edit

 

la parola

un cappio al collo

l'ultima parola

nei rari momenti

in cui tutto diventa leggero

acquista trasparenza

io penso

"do la mia parola

volentieri

ritirerei la parola data"

ma dura poco

perché ecco - cigola l'asse del mondo

passano le persone

i paesaggi

i cerchi colorati del tempo

e la parola data

mi fa un groppo in gola

 

(Zbigniew Herbert)

Dovrò di nuovo erigere la vasta vita,

specchio di te ancora:

dovrò ricostruirla ogni mattina.

Ora che non ci sei,

quanti luoghi son diventati vani

e senza senso, uguali

a lampade di giorno.

Sere che ti hanno accolto come nicchie,

musiche dove trovavo te ad attendermi,

parole di quel tempo,

dovrò distruggervi con queste mani.

In quale baratro potrò celare l'anima

perché non veda la tua assenza,

fulgida come un sole orribile

che non tramonta mai, spietata eterna?

La tua assenza mi sta attorno

come la corda al collo,

come il mare a chi affoga.

(Jorge Luis Borges)

0
0
0
s2sdefault

Perdonatemi: ho dormito.

E dormire non è vivere. Pace agli uomini.

Vivere non è soffrire o sentire parole che ancora non vivono.

Vivere in queste? Le parole muoiono.

Sono belle quando suonano, ma non durano.

Come questa notte bianca. Come ieri quando l'aurora

o quando il giorno intero stende l'ultimo

raggio, per caso sul tuo viso.

Chiudi gli occhi col tuo pennello di luce.

Dormi.

La notte è lunga, ma è già finita.

(Vicente Aleixandre)

0
0
0
s2sdefault

Rifiutare l'altra guancia, lanciare la pietra,

non agire così, alle volte, non contestare

l'adempiente che ti offende d'essere

è fallire il colpo, te stesso, la regola intrinseca.

Maledici chi ti ha colpito! Quando i soldati beffeggiarono

Gesù bendato ed Egli, a sua volta, non li irrise

non si offesero né impararono nulla, tuttavia

qualcosa fu reso manifesto - il potere

del potere non esercitato, della speranza intuita

dagli impotenti, per sempre! Tuttavia, per Cristo,

fammi un favore, almeno per questa volta:

maledici, dai scandalo, lancia la pietra.

(Seamus Heaney)

0
0
0
s2sdefault

Non c'è più quella grazia fulminante

ma il soffio di qualcosa che verrà.

(Sandro Penna)

0
0
0
s2sdefault

Come spostando pietre:

geme ogni giuntura! Riconosco

l'amore dal dolore

lungo tutto il corpo.

Come un immenso campo aperto

alle bufere. Riconosco

l'amore dal lontano

di chi mi è accanto.

Come se mi avessero scavato

dentro fino al midollo. Riconosco

l'amore dal pianto delle vene

lungo tutto il corpo.

Vandalo in un'aureola

di vento! Riconosco

l'amore dallo strappo

delle più fedeli corde

vocali: ruggine, crudo sale

nella strettoia della gola.

Riconosco l'amore dal boato

- dal trillo beato -

lungo tutto il corpo!

(Marina Ivanovna Cvetaeva)

0
0
0
s2sdefault

Quando dovrò venire a Te, Signore,

fa che un bel giorno sia, che la campagna in fiore

risplenda. Il mio sentiero vorrei, come quaggiù,

scegliermi per andare, come mi piacerà,

in Paradiso, dove di giorno son le stelle.

Prenderò il mio bastone e sulla strada grande

andrò, dicendo ai miei amici, gli asinelli:

Io sono Francis Jammes e vado in Paradiso,

ché non c'è inferno nel paese del buon Dio.

E dirò loro: Venite, del cielo azzurro, amici,

povere bestie che con un muover d'orecchi

discacciate le api, le busse ed i tafani...

Che io Ti appaia in mezzo a queste bestie,

che per questo mi piacciono: che abbassano la testa

dolcemente e si fermano giungendo le loro zampette

in un modo dolcissimo e che ti fa pietà.

Arriverò seguito da migliaia d'orecchi,

da quelli che portarono pesanti ceste ai fianchi,

da quei che trascinarono carri di saltimbanchi,

o carretti ricolmi di pentole e piumini,

da quelli che portano sul dorso dei bidoni ammaccati,

dalle asine pregne, come otri i fianchi enfiati,

da quelli ai quali infilano come dei calzoncini,

per le bluastre piaghe che fanno purulente

le mosche che testarde vi s'attaccano intorno.

Signore, con questi asini a te venga, quel giorno.

E fa che siano gli angeli a guidarci alla pace,

verso ruscelli erbosi che specchiano ciliegie

lisce come una carne ridente di fanciulle;

che curvo sulle tue acque divine, in quella

dimora degli eletti, agli asini somigli,

la povertà miranti, umile e dolce loro,

dentro la limpidezza del sempiterno amore.

(Francis Jammes)

0
0
0
s2sdefault

04 2
Dove Siamo


Seguici sui social:
Ristorante "Gilda Bistrot" -  Piazza Lorenzo Ghiberti, 40r  Firenze - Tel +39 055 234 3885 - info@gildabistrot.it
 
Partita IVA: 04989580487 | Privacy Policy | Cookie Policy

Logo Smart Solution pos